Salvatore Giuliano



Comprensione orale: livello medio
Indicare le affermazioni vere:


  1. Gaspare Pisciotta, cugino e probabile assassino di Salvatore Giuliano, morì avvelenato in carcere il 7 febbraio 1952.
  2. Salvatore Giuliano morì durante la strage di Portella della Ginestra.
  3. Il primo maggio 1947 2.000 persone si dettero convegno a Portella della Ginestra per celebrare la Festa del Lavoro.
  4. La banda di Salvatore Giuliano sparò sui convenuti e uccise ben 100 persone.
  5. Nell'unico documento cinematografico esistente, Salvatore Giuliano si vede con il luogotenente Gaspare Pisciotta.
  6. Salvatore Giuliano fu chiamato la tigre di Montelepre.
  7. Come simbolo del suo potere, Giuliano fece dipingere un leone in una stanza della sua casa natale.
  8. Salvatore Giuliano fu ucciso a tradimento nel 1951.
  9. Morì dopo aver ammazzato un'ottantina di persone e dopo aver attaccato caserme dei carabinieri e camere del lavoro.
  10. Gaspare Pisciotta fu sgozzato in carcere, probabilmente dal padre di Giuliano.
  11. La morte di Salvatore Giuliano è uno dei grandi misteri italiani.

Mina

Mina

Biografia di Mina

Posted by Parliamoitaliano.club on Sabato 25 aprile 2015




Comprensione orale: livello avanzato
Segna con una crocetta solo le affermazioni VERE:
  1. Mina venne definita come la più grande cantante bianca del mondo.
  2. Mina è nata a Busto Arsizio nel 1940.
  3. Il suo vero nome è Anna Maria Martini.
  4. Mina ha trascorso a Cremona la fanciullezza e l'adolescenza.
  5. Mina debuttò nel 1958 alla Bussola.
  6. Debuttò come cantante dopo aver finito gli studi al conservatorio.
  7. Nel 1959 partecipò alla trasmissione televisiva "Il musichiere".
  8. Mina ebbe un figlio da Corrado Pani.
  9. Il figlio si chiama Massimo.
  10. Mina fu una ragazza madre.
  11. A causa della nascita del figlio scomparve dagli schermi.
  12. Totò scrisse per lei canzoni e poesie.
  13. Nel 1970 sposò Antonio Bombolo, un noto giornalista.
  14. Mina ebbe una figlia.
  15. Nel 1974 partecipò, con Raffaella Carrà, allo show "Mille luci".
  16. Fu l'ultima volta che apparve in tv.
  17. Si ritirò dalle scene con una canzone intitolata "Non gioco più".

Milano, aprile di 1945





  1. Benito Mussolini lasciò la prefettura di Milano il 25 aprile 1945.
  2. I suoi collaboratori Pino Romualdi ed Alessandro Pavolini l'accompagnarono.
  3. Mussolini si recò dal cardinale Schuster per arrendersi agli americani.
  4. Avendo capito che volevano fucilarlo tornò in prefettura.
  5. I nazisti alle sue spalle erano in trattative con gli alleati.
  6. Mussolini partì per Como.
  7. Sulla frontiera svizzera chiese un secondo lasciapassare per Claretta Petacci.
  8. Scoperto dai nazisti, fu costretto ad unirsi alla loro colonna in rotta verso la Germania.
  9. I partigiani arrestarono la colonna tedesca a Tongo.
  10. I nazisti camuffarono Mussolini con un casco tedesco e un capotto della Wermacht.
  11. Individuato dai partigiani, Mussolini venne portato a Giulino di Mezzegra.
  12. Mussolini fu passato per le armi insieme a Claretta Petacci e a Pino Romualdi, vice segretario del Partito Fascista di Salò.
  13. Il fucile di Walter Audisio fece cilecca.
  14. Il nome di battaglia del partigiano Walter Audisio era "Pietro".
  15. Il cadavere di Mussolini fu appeso al distributore di piazzale Loreto a Milano.
  16. Gli americani entrarono a Milano il 29 aprile 1945.